Cassazione Lavoro indagini informatiche malattia

La sentenza n. 18507/2016 della Corte di Cassazione ha confermato e rinnovato la legittimità dei controlli difensivi dell’azienda per sospetta simulazione fraudolenta dello stato di malattia del dipendente. 

E' stato ritenuto del tutto ammissibile il ricorso ad indagini investigative per documentare l’attendibilità del certificato di malattia, producendo nel caso di specie  supporti foto e video che hanno condotto al licenziamento del dipendente per giusta causa.

Questa sentenza conferma come anche le indagini difensive preventive in ambito informatico possono essere utilizzate dall'azienda in tale contesto. Sono numerosi i casi in cui il soggetto, ufficialmente in malattia, posta sui socialnetwork foto da congressi, da occasioni ludiche, da luoghi di villeggiatura, addirittura indicando la sua posizione geografica; o addirittura pubblica ebook o articoli.

Elementi che in un contesto di indaginin informatiche, anche con l'ausilio di tecniche OSINT, posso portare alla formulazione di una perizia informatica che inchioda il soggetto alle sue responsabiltà. a maggior ragione se queste azioni fossero intraprese con strumenti aziendali assegnati al dipendente; questi sarebbero i migliori testimoni per l'accucsa dell'azienda.