cookie lawCookie law, orma gira sui social e sui giornali online allo stesso ritmo di oroscopo e previsioni meteo; forse la maggior parte delle persone non se ne era neanche preoccupata di questi "cosi" tecnici, del resto all'uomo della strada non interessa tanto conoscere cosa c'è dietro un servizio quanto usare il servizio: basta vedere l'uso disinvolto delle app, tutti accettano tutto altrimenti non funzionano.....

Eccoci quindi al primo grande errore, il Garante ha essenzialmente parlato di cookies di siti web, trascurando che i cookies non sono un concetto riservato ai siti web ma anche ai milioni di  App Mobile che tutti noi, Garante compreso, usiamo quotidianamente, e che quotidianamente ci tracciano e ci profilano......

Secondo Errore, una parte di utenti, quelli più paranoici e i tecnici, talvolta quotidianamente utilizzano tool come ccleaner per la pulizia del pc, cookies compresi. Questi utenti ogni volta che fanno girare i loro tool si ritroveranno riproposto il messaggio sui cookies da parte di tutti i siti che visitano: cavolo che scocciatura!

Terzo ma non ultimo, provate a spiegare al commerciante del Texas, che ha il suo bel sito di ecommerce di prdotti di elettronica e che vende in tutto il mondo, che se fra i suoi visitatori ci sono Italiani, deve fornire informativa sui cookies e eventualmente richiedere consenso, magari che se arrivano visitatori dal Kazakistan deve mettere un banner di tipo X, che se invece arrivano dal Giappone deve richiedere l'autorizzazione per la Japan commerce act..... l'ecommerce e Internet diventano una follia!

Ho la sensazione che i soggetti che hanno pensato e scirtto questo provvedimento, e non parlo solo di Garante Italiano e dei suoi stakeholder,  siano fortemente dissociati dal mondo reale,  in cui le persone sono interconnesse H24,  in cui la globalizzazione dei mercati e degli strumenti di comunicazione è la leva della nuova economia. Nel 2015 non si può pensare di ragionare e disciplinare l'IT e Internet come all'epoca della guerra fredda. 

Non è più pensabile di definire confini digitali come se fossero confini tradizionali, o meglio lo si può anche fare ma poi vai a peseguire chi dall'altra parte del mondo viola il tuo dettato! al più  persegui quelli che in casa tua non seguono le tue regole, è facile fare i duri con i deboli.

Ultimanente la politica e le istituzioni dimostrano, come in questo caso, di avere persone inadeguate, non al passo coin itempi, per poter comprendere correttamente cosa sta succedendo, siamo come nella londra del 1865 che cercava di arginare il progresso introdotto dalle automobili con il "locomotive act"